RITENGO CHE SIA DOVERE DI CHIUNQUE E A MAGGIOR RAGIONE DI NOI ITALIANI, FARE DI TUTTO PER PROMUOVERE, SALVAGUARDARE E DIVULGARE L'ARTE IN TUTTE LE SUE ESPRESSIONI.
UNA SOCIETA' DISTRATTA SUI FATTI DELL'ARTE E' UNA SOCIETA' VOTATA ALL'IMPOVERIMENTO... E NOI, DA QUESTO PUNTO DI VISTA, LO SIAMO GIA' ABBASTANZA!






Vota questo blog

Siti

martedì 21 novembre 2017

ZONA 41 artisti e una poesia

Grande collettiva, grandi artisti...
A Milano!

 

ZONA
41 artisti e una poesia

UN LIBRO E UNA MOSTRA-EVENTO
PER RENDERE OMAGGIO A GUILLAUME APOLLINAIRE

Al via il primo appuntamento del 2017 firmato EMMEGI CONTEMPORARY

Un libro e una mostra curati da Loris Di Falco,
con testi di Sergio Mandelli e Marco Meneguzzo

Opere di: Massimiliano Alioto, Arcangelo, Dario Arcidiacono, Agostino Arrivabene, Mirko Baricchi, Matteo Bergamasco, Francesco Bertola, Andrea Bianconi, Giuseppe Bombaci, Davide Bramante, Pietro Capogrosso, Linda Carrara, Anna Caruso, Tiziana Cera Rosco, Michele Chiossi, Marco Cingolani, Alice Colombo, Kalina Danailova, Loris Di Falco, Lorenzo Di Lucido, Marco Fantini, Tamara Ferioli, Giovanni Frangi, Gian Piero Gasparini, Julia Krahn, Cristina Lefter, Paolo Maggis, Elena Monzo, Matteo Negri, Alessandro Papetti, Simone Pellegrini, Luca Pignatelli, Giusto Pilan, Annalisa Pirovano, Michael Rotondi, Nicola Samorì, Milena Sgambato, Giuseppe Veneziano, Dany Vescovi, Giulio Zanet, Claudia Zuriato

Spazio Bigli
Via Bigli 11/A, 20121 Milano

“ARCHEOLOGIE” personale di Giuliano Giuggioli

In un luogo che trasuda di storia, Casa d'Arte San Lorenzo, in collaborazione con il C.R.A., propone la nuova personale di Giugliano Giuggioli... curata da Luca Nannipieri e Filippo Lotti



“ARCHEOLOGIE”
mostra di pittura di Giuliano Giuggioli


Si inaugura sabato 9 dicembre 2017 (ore 17.00), nel museo civico archeologico “Isidoro Falchi” di Vetulonia, la personale di pittura di Giuliano Giuggioli dal titolo “Archeologie - segni di un passato in un tempo futuro”.
Nella mostra, organizzata da Casa d’arte San Lorenzo e FuoriLuogo - servizi per l’arte e curata da Filippo Lotti e Luca Nannipieri, saranno esposte circa trenta opere di pittura dell’artista vetuloniese.
Infatti Giuliano Giuggioli nasce nel 1951 proprio a Vetulonia, per poi, da piccolo, arrivare alla più industriosa Follonica, ma qui vi tornava spesso a trovare i nonni, gli zii, i compaesani e le proprie radici.
Pittore autodidatta, Giuggioli, si perfeziona nelle tecniche pittoriche e di stampa con la frequenza assidua di botteghe, stamperie, cantieri artistici, gallerie e musei di tutto il mondo.
La sua produzione spazia dalle grandi tele ad olio, alle tecniche su carta e legno, agli affreschi, alla scultura, alle ceramiche, alle acqueforti, serigrafie e litografie.
Numerose le partecipazioni di Giuggioli all’Art Expo di New York dove, inoltre, è stato ospite dell’esclusivo Circolo degli Artisti della città. I suoi lavori sono presenti in molte collezioni pubbliche e private sia in Italia che all’estero.
“Vetuloniese di nascita – rivela Susanna Lorenzini, assessore alla Cultura del Comune di Castiglione della Pescaia -  desiderava esporre le sue opere nel museo del suo paese e per questa occasione ha realizzato una linea specifica di quadri”.
“La personale che ospiteremo all’interno del museo civico archeologico Isidoro Falchi – spiega l’assessore alla Cultura – è l’epilogo di un lavoro che Giuggioli ha portato avanti ininterrottamente per un anno. L’artista ha messo su tela oggetti e monumenti vecchi e nuovi, icone di un’epoca o di una civiltà, nelle quali è possibile immergersi immediatamente, visitando la mostra. Le raffigurazioni di macchine, congegni, ingranaggi, che sono usciti direttamente dalla mente dell’uomo, quasi a rivelarne il meccanismo perfetto, si sforzano di gettare un ponte fra il vissuto e il possibile, lungo un itinerario di tempo scandito dal ritmo silente di muti orologi”.
“Giuggioli – sostiene Susanna Lorenzini – ha dato forma a un viaggio a ritroso dal futuro al passato da percorrere attraverso i meandri di un labirinto che cattura le infinite sfumature dei suoi colori e ha scelto come teatro ideale e reale del suo percorso il mare, che contestualizza il viaggio alla pari della figura del cavallo”.
Una linea tematica ed estetica – conclude l’assessore Lorenzini -  quella delle “Archeologie” create per il museo di Vetulonia, che ci rende orgogliosi di presentare questo evento”.
 “Questa mostra per Giuggioli è un tassello importante nella carriera artistica – spiega Filippo Lotti – è un ritorno alle origini, è un riportare tutto a casa, dopo il bagaglio importante di esperienza artistica che ha fatto in oltre quarant’anni di pittura”.
“Per lui – continua Lotti – nascere in terra di etruschi, ha sensibilmente contribuito alla sua formazione culturale e poi alla sua poetica espressiva. Da piccolo, anche dopo il trasferimento sulla costa, tornava spesso in quel “parco giochi” che la città etrusca gli offriva. I ricordi di bambino si intrecciano con aneddoti e curiosità che hanno dato formazione a un ragazzo sempre attento al mondo che lo circondava e desideroso di apprendere il più possibile.”
Lo storico dell’arte Luca Nannipieri scrive nel testo del catalogo editato appositamente per la mostra: “Giuggioli abita un altro satellite: quello non dell'inconscio reso espressione, ma della messa in crisi del perfettamente conscio. Se una nave la vediamo, come in alcune sue opere, incagliata in cima ad una catena montuosa priva di vegetazione, una catena montuosa lunare, inospitale, impraticabile, e per di più la nave continua a buttare fumo dai fumaioli come se stesse tranquillamente solcando l’alto oceano, a che cosa ci spinge questa immagine onirica se non a mandare in corto circuito l’idea che vi siano certezze visive, esperienziali, nella nostra vita? L’unica certezza è l’inaudito, sembra dirci Giuggioli, ovvero accettare che l’infinito abiti il nostro finito e lo innalzi al di sopra di noi stessi.”

Mostra che sarà visitabile fino all’11 marzo 2018. 
Per l’orario di apertura consultare www.museoisidorofalchi.it.

Per info mostra ed artista: 
Casa d’Arte San Lorenzo 0571 43595 - galleria@arte-sanlorenzo.it

SCHEDA TECNICA

Genere: mostra personale di pittura
Artista: Giuliano Giuggioli
Titolo: “Archeologie - Segni di un passato in un tempo futuro”
A cura di: Filippo Lotti e Luca Nannipieri
Progetto e organizzazione: Casa d’Arte San Lorenzo
Allestimento: Casa d’Arte San Lorenzo
Coordinamento: Filippo Lotti, Roberto Milani
Inaugurazione: sabato 9 dicembre 2017, ore 17.00
Luogo: Museo Civico Archeologico “Isidoro Falchi”, Piazza Vetluna  58040 Vetulonia - Castiglione della Pescaia (GR)
Durata: 9 dicembre 2017 – 11 marzo 2018
Orario: tutti i giorni dalle ore 10 alle 16 (dicembre/febbraio); tutti i giorni dalle ore 10 alle 18 (marzo). Lunedì chiuso. Ingresso a pagamento: € 7,00 intero museo e mostra, € 5,00 ridotto museo e mostra; € 5,00 intero solo mostra o solo museo, € 2,50 ridotto solo mostra o solo museo; € 1,00 scolaresche.
Con il patrocinio: Comune di Castiglione della Pescaia
Partner ufficiale: Caffé Damoka
In collaborazione: Museo Civico Archeologico “Isidoro Falchi”, Musei della Maremma, C.R.A. - Centro Raccolta Arte
Ufficio Stampa: FuoriLuogo – Servizi per l’Arte
Info biglietteria: www.museoisidorofalchi.it – 0564 948058 – museoisidorofalchi@libero.it
Info mostra: www.arte-sanlorenzo.it – 0571 43595 – galleria@arte-sanlorenzo.it
Casa d’Arte San Lorenzo, Via Antonio Gramsci, 119/a - San Miniato, Pisa

Catalogo in mostra con testo critico di Luca Nannipieri, edito da Bandecchi & Vivaldi

lunedì 20 novembre 2017

Florencia Martinez | H. Honey Hungry Home

La nota artista argentina, Florencia Martinez, che presto sarà ospite anche a San Miniato all'interno del progetto "RICICLIAMOCI" curato dal C.R.A. Centro Raccolta Arte (vedi http://centroraccoltaarte.blogspot.it/2017/10/per-47-edizione-della-mostra-mercato.html), inaugurerà a Milano, il 24 novembre alla Gilda Contemporary Art.
Da non perdere!!!!




Florencia Martinez | H. Honey Hungry Home

Dal 24 novembre 2017 al 14 gennaio 2018, Gilda Contemporary Art di Milano ospita un progetto inedito di Florencia Martinez (Buenos Aires, 1962), appositamente pensato per i suoi spazi espositivi (inaugurazione il 23 alle ore 18'00).

La mostra, curata da Cristina Gilda Artese, col patrocinio del Consolato d’Argentina, presenta una serie di opere recenti in cui il tessuto e il colore sono gli elementi che caratterizzano il lavoro dell’artista italo-argentina.


È dal 2000 che Florencia Martinez ha scelto il tessuto come materia principale con cui esprimersi. “Cucire per me è mettere in ordine il mondo - afferma la stessa Martinez. Trovo l’atto del cucire rivoluzionario, un tornare a ritmi antichi mentre tutto è veloce, un riappropriarsi del tempo della lavorazione, della manualità”.

Gilda Contemporary Art
via San Maurilio, 14, 20123 Milano

A proposito di “ANTROPOLOGY - I fiori della nostra distrazione” di Massimo Barlettani



Sabato scorso, 18 novembre, alla Fornace Spazio Eventi di Montelupo F.no, si è svolta la mostra/evento “ANTROPOLOGY - I fiori della nostra distrazione” di Massimo Barlettani, di cui vi avevo già dato notizia (vedi http://lastanzaprivatadellarte.blogspot.it/2017/09/antropology-i-fiori-della-nostra.html).
In un ambiente più che suggestivo, le opere dell'artista empolese, hanno rapito l'attenzione dei tanti intervenuti. 
I circa 40 lavori, "raccontati" da una splendida pubblicazione, edita per i tipi della Bandecchi e Vivaldi, con il prezioso testo critico di Alessandra Redaelli, dimostrano la potente delicatezza con cui Barlettani affronta e risolve il proprio fare arte. Una capacità derivata dal forte senso estetico di cui è dotato e che in ogni occasione viene raffrozato dal plauso generale del pubblico.
La mostra è stata progettata e curata da Casa d'Arte San Lorenzo, in collaborazione con il C.R.A. e FuoriLuogo.

qualche immagine dell'allestimento e dell'inaugurazione




















mercoledì 15 novembre 2017

Entità Differenti mostra personale di Carlo Cane a cura di Casa d'Arte San Lorenzo



Entità Differenti
mostra personale di Carlo Cane
a cura di Casa d'Arte San Lorenzo

Spaziob - Palazzo Sanseverino
Corso della Repubblica, 19 - 27029 Vigevano (PV)

02 - 17 dicembre 2017

Inaugurazione Sabato 2 dicembre ore 18.00

Torna ad esporre, dopo alcuni anni dedicati alla ricerca, Carlo Cane.
Lo fa come di consueto in punta di piedi, consapevole che la sua pittura parlerà per lui.
Un gesto colto, quasi maniacale il suo. Che ancora una volta renderà onore alla pittura senza distogliere l'attenzione dalla contemporaneità.
E' questo che da sempre accompagna ogni singolo lavoro di Carlo Cane e in questa esposizione vigevanese, lo si percepisce fin dal primo istante. 
Una sequenza di visioni, perchè in fondo di questo si tratta, che troveranno il loro giusto spazio alle pareti di Palazzo Sanseverino. 
In tutto sono circa venti i lavori presentati. Tutti realizzati negli ultimi 24 mesi. 
Frutto di una sorta di raccogliemento estatico in un isolamento forzato, che hanno portato l'artista ad uno stravolgimento estetico-visivo, culminato nella trasformazione del paesaggio, rendedolo una entità differente, abbandonando la mimesi per dare sfogo al pensiero. 
Una sorta di viaggo che indaga non solo sugli elementi della natura ma invita alla riflessione sulle sorti di essa. Un concetto che da almeno 10 anni accompagna la ricerca dell'artista ed in questa occasione non mancherà di sottolinearlo ancora una volta.

Progetto e organizzazione:
Casa d'Arte San Lorenzo

in collaborazione con C.R.A. Centro Raccolta Arte

Orari di apertura:
sabato e domenica:h. 16.30 - 19.30
da lunedì a venerdì: su appuntamento
Ingresso libero

Per informazioni:
Casa d'Arte San Lorenzo
www.arte-sanlorenzo.it
galleria@arte-sanlorenzo.it
+39 0571 43595

C.R.A. Centro Raccolta Arte
http://centroraccoltaarte.blogspot.it/ 
centroraccoltaarte@yahoo.com 

Spazio b
info.spaziob@gmail.com
+39 339 8435715


EVENTO FB

martedì 14 novembre 2017

Chiusa la prima edizione di GrandArt



Si è appena conclusa la prima edizione di GrandArt, la nuova fiera dell'arte moderna e contemporanea milanese.
Un evento social, oltre che artistico. Lo si è subito percepito la sera dell'inaugurazione, che ha attirato molto pubblico e tanti collezionisti. Pubblico che, oltre la sera di giovedì, non è mancato per l'intero fine settimana.
Una proposta fresca, senza picchi ma di buona qualità. 
L'ambiente, THE MALL, nel cuore della nuova Milano, ha sicuramente stizzicato la curiosità del pubblico meneghino che come sempre non perde l'occasione di soddisfare la propria voglia di novità.
Casa d'Arte San Lorenzo, presente a questa prima edizione, ha scelto di proporre due artisti della propria "scuderia": Christian Balzano e Giovanni Maranghi. Scelta che ha suscitato grande apprezzamento nei confronti di chi ancora non conosceva gli artisti, conferme da parte dei collezionisti e grande interesse anche dai molti critici e curatori che giravano fra i molti stand ospitati all'interno della manifestazione...

Qualche immagine dello stand Casa d'Arte San Lorenzo per chi se lo fosse perso...










domenica 12 novembre 2017

A proposito di LA BELLEZZA RESISTENTE, personale di Pier Toffoletti a San Miniato



Si è inaugurata a San Miniato, lo scorso 10 novembre, la personale di Pier Toffoletti "LA BELLEZZA RESISTENTE, nella suggestiva sala San Pietro Martire (Via Angelica della Chiesa di San Domenico - Piazza del Popolo 31), di cui vi avevo già dato comunicazione qualche giorno fa (vedi http://lastanzaprivatadellarte.blogspot.it/2017/09/la-bellezza-resistente-personale-di.html).
La mostra, organizzata da Casa d'Arte San Lorenzo con il Patrocinio del Comune di San Miniato ed la collaborazione della Pro Loco locale ed il C.R.A., è accompagnata da una prestigiosa pubblicazione con il testo critico della Dott.sa Daniela Pronestì e curata da Filippo Lotti ed il sottoscritto.
L'esposizione aperte fino al prossimo 3 dicembre ha aperto i battenti alla presenza delle autorità locali e di numerosi appassionati e collezionisti...

Un po' di Immagini per chi non c'era...

LA MOSTRA













L'INAUGURAZIONE









lunedì 6 novembre 2017

“Arte e Ambiente” 37 opere di alcuni dei migliori artisti dell’Accademia di Belle Arti di Brera...

Da non perdere!!!




OverArt è un’Associazione culturale no profit che nasce nel Maggio 2017 ed ha quali obbiettivi primari quelli di promuovere e sostenere, anche economicamente, l’attività soprattutto di giovani artisti di Pittura, Scultura, arte ambientale, video arte ecc e, per il raggiungimento di questo scopo, si impegna ad organizzare eventi, mostre, un sito on line, cataloghi e libri e tutte quelle attività che possono dare sostegno ai giovani Artisti, troppo spesso dimenticati dal mondo delle gallerie e dalle istituzioni pubbliche.

OverArt si propone anche di avvicinare all’Arte neofiti ed appassionati con l’intento di creare un canale di comunicazione diretto tra l’artista ed il pubblico, favorendo quindi un interscambio culturale sia di persona che attraverso servizi digitali creati all’uopo.

Inoltre, OverArt vuole diventare essa stessa collezionista di opere di tali giovani artisti creando una collezione mirata e non finalizzata alla scoperta del grande talento, ma per offrire una documentazione attendibile della ns. contemporaneità a futura memoria.

OverArt annuncia quindi la sua prima Mostra dal titolo “Arte e Ambiente” che esporrà 37 opere di alcuni dei migliori artisti dell’Accademia di Belle Arti di Brera, selezionati da un Comitato Scientifico interno all’Accademia stessa.

La Mostra si terrà a Palazzo Isimbardi, con vernice il 14 novembre dalle ore 17,30 alle 21,00, prosecuzione della visione delle opere il 15 negli stessi orari e Asta il giorno 16 novembre dalle ore 19,30 alle 21,00.

Il ricavato di tale asta andrà devoluto agli artisti espositori a copertura dei costi sostenuti dagli stessi per la realizzazione dell'opera e la parte residua all'Accademia di Brera sotto forma di borse di studio da destinarsi agli studenti per l'implementazione dell’appena nato “Museo dei Giovani Artisti” dell'Idroscalo di Milano (Parco sperimentale permanente a cielo aperto di scultura e arte ambientale, sempre gestito con l’Accademia di belle Arti di Brera) e altre iniziative promosse dall'Accademia.

Si ringraziano l’Accademia di Belle Arti di Brera ed i docenti coinvolti per avere condiviso questo Progetto con grande professionalità, competenza e passione e la Città metropolitana per la sua bella disponibilità nel metterci a disposizione uno spazio tanto prestigioso quale Palazzo Isimbardi, manifestando grande sensibilità nei confronti della cultura, dei giovani e dei cittadini amanti dell’Arte.

Associazione Culturale No Profit Sede Legale: Viale Tunisia, 6 - 20124 Milano
C. Fiscale 97788300156
IBAN: IT27J0335901600100000153200
info@overartmilano.com - www.overartmilano.com



Il C.R.A. per la Mostra Mercato del Tartufo Bianco di San Miniato

Il C.R.A. Centro Raccolta Arte è l'Associazione di cui mi fregio essere fra i fondatori ed il Presidente.
Come tutti gli anni in occasione della Mostra Mercato del Tartufo Bianco di San Miniato presenta un evento creato ad hoc.
Per l'edizione 2017 abbiamo pensato di coinvolgere tre artiste di grande caratura: Raffaella Rosa Lorenzo, Serena Tani e Florencia Marinez




“RICICLIAMOCI”
a cura del C.R.A. Centro Raccolta Arte

In occasione della 47^ edizione della Mostra Mercato del Tartufo Bianco di San Miniato (11/12 - 18/19 - 25/26 novembre 2017) il C.R.A. Centro Raccolta Arte (Torre degli Stipendiari, via Conti – San Miniato), associazione operativa in tutto il territorio nazionale, ospiterà il progetto ideato e curato dall’associazione stessa “RICICLIAMOCI”

Un progetto basato sul concetto del riciclo nel senso più ampio del termine.
Non solo da un punto di vista ecologista ma da una necessità oramai necessaria, di cambiamento della nostra attuale società.
Per questo progetto, sono state invitare ad esporre tre artiste di fama nazionale:

11/12 novembre, Raffaella Rosa Lorenzo, dedita al recupero della plastica



18/19 novembre, Serena Tani, dedita al riciclo della carta



25/26 novembre, Florencia Martinez dedita al riciclo della stoffa



Come da qualche anno a questa parte all’interno della sede dell’associazione, saranno anche presenti i Club, Lyon's e Rotary, che in maniera congiunta attiveranno una raccolta fondi destinata alla CASA VERDE di San Miniato, proponendo ai visitatori alcune decorazioni natalizie realizzate con stoffa riciclata.

 C.R.A. Centro Raccolta Arte
(Torre degli Stipendiari, via Conti – San Miniato)
orari
sabato 15'00 - 19'00
domenica 10'00 - 20'00
info
centroraccoltaarte@yahoo.com

domenica 5 novembre 2017

48 ore in Torino....



Appena rientrato da una due giorni dai ritmi frenetici nella bella Torino, cerco di riordinare le idee. 
Sono stati due giorni di fiere, mostre e accadimenti.
Ma andiamo per gradi. 
La regina incontrastata che ha dominato queste 48 ore, è stata sicuramente Artissima
La manifestazione fieristica italiana, più vicina al mondo internazionale dell'Arte. 
Al pari delle grandi, Frieze, Harmory, Fiac ect. senza nulla da invidiare ad esse se non gli investitori.
Aldilà delle opere presentate dalle gallerie presenti (proposta che tra l'altro mi ha totalmente coinvolto e convinto), passeggiando fra i corridoi, la cosa che mi è balzata immediatamente agli occhi, anzi alle orecchie, è stato il parlare: dall'italiano allo spagnolo, dall'inglese al coreano, dall'ebraico al francese senza tralasciare la lingua del Sol Levante o il portoghese, che ha fornito al sottoscritto e all'eventuale visitatore, il piglio decisamente multicuturare della manifestazione. 
Un mix di culture, gusti e atteggiamenti differenti fra loro ma uniti dallo stesso interesse: l'arte. 
Ad appagare pienamente il mio gusto è stato il progetto "DEPOSITO" che da solo meritava la visita anche se ho molto apprezzato la neonata sessione Disegni. Ad appagare il mio "Ego", invece, è stato ritrovare esposte alle pareti di molte gallerie, opere di "una volta giovani" artisti che avevo individuato e segnalato in tempi decisamente non sospetti ed ora sotto la luce dei riflettori del mondo internazionale dell'arte.
A spasso fra i corridoi è stato facile incontrare grandi curatori, critici internazionali, attori, cantanti, opinionisti e ovviamente artisti e collezionisti. Insomma ero a Torino ma potevo tranquillamente essere a Londra, a Parigi, a Madrid... fino a quando, non ti assale il classico languorino dell'ora di pranzo... e lì scopri che sei, ahimè, nell'Italia dei monopoli... Camogli, Fattoria, Rustichella... la ristorazione affidata all'onnipresente Autogrill... che per uno che fa dai 40 ai 50 mila chilometri in macchina all'anno, è oramai uno dei peggiori incubi!
Nel complesso la mia personale valutazione di Artissima e un più che meritato: Eccelente.

Uscito da Artissima, tappa obbligatoria alla GAM, per visitare la mostra Vero Amore. Pop art italiana dalle collezioni della GAM. Mostra che merita lo spostamento. Uno spaccato completo della scena creativa italiana negli anni '60.

A seguire, di corsa a scoprire Come una falena alla fiamma, Like a Moth to a Flame, il grande progetto espositivo realizzato in collaborazione da OGR-Officine Grandi Riparazioni e Fondazione Sandretto Re Rebaudengo. Decisamente una delle mostre più belle che abbia visitato negli ultimi 12 mesi e che, se vorrete, potrete visitare fino al prossimo 14 gennaio.

Una delle cose che ho visto, in questa due giorni e che, per mia ignoranza, non sono riuscito ad apprezzare al 100%, è stato il progetto DAMA, allestito nella splendida cornice di Palazzo Saluzzo Paesana.
Purtroppo nonostante mi sforzi di capire, comprendere e fare mie, le performance, spesso mi rimagono ostiche ed in questo evento, molte erano espressioni artistiche legate a questo tipo di linguaggio.

Una tappa pressochè inutile, è stata quella a PARATISSIMA
A parte alcune rare eccezioni, quello che ho visto esposto in questa manifestazione l'ho trovato a dir poco sconcertante. Uno spazio così bello, come l'ex caserma “La Marmora”, dato in pasto ad un'orda di pseudo artisti che hanno violentato con opere difficili da chiamare tali, gli ambienti di questa Torino oramai dimenticata. Peccato.

Altra fermata, per me quasi obbligatoria visto l'interesse che nutro nei confronti della giovane arte, alla mostra dei finalisti dell'ART PRIZE CBM, vinto quest'anno da MICHAŁ CYGAN nella sezione under 30 e da ENRICO TEALDI in quella over 30.
Una bella selezione di opere, realizzate da artisti estremamente interessanti, esposte per l'occasione all'interno della suggestiva Cripta di San Michele Arcangelo, in via Giolitti.

Infine, con il rammarico di non essere riuscito ad andare alla Fodazione Merz
per Carlos Garaicoa. El Palacio de las Tres Historias, al Rivoli per Zorio, FlashBack e alle altre molteplici iniziave che la città offriva in questo fine settimana, ho chiuso il tour torinese con la visita a The OTHERS
Aldilà della location, decisamente divertente quanto "insolita", ho trovato "l'Altra" fiera convincente, con alcuni picchi verso l'eccellenza e poche cose discutibili. Fiera che conferma la grande crescita vista anno dopo anno. Una fiera che cerca di portare lo spettatore a diretto contatto con il pensiero dell'artista e a contatto con molte realtà di elevato e squisita caratura...


Il tutto ovviamnete condito da ottima cucina piemontese!
BYE-BYE Torino.